Centazzo, lo sport nel sangue: «In blucerchiato per migliorare tecnica e carattere»

Lo sport è sempre stato una questione di famiglia in casa Centazzo. Ginnastica artistica per papà Gianmatteo, azzurro alle Olimpiadi di Barcellona nel 1992; atletica leggera per mamma Stefania. Niccolò invece ha scelto il calcio e, dopo aver giocato prima nel Padova e nel Venezia, la scorsa estate è approdato alla Sampdoria U15.

Vita. «Venire a Genova ha rappresentato un cambiamento importante nella mia vita – spiega al media ufficiale -. I primi mesi ho patito la nostalgia dei miei familiari e degli amici, ma per fortuna ho trovato un ottimo gruppo e ambientarmi non è stato difficile. Sono un centrocampista centrale, che ama stare sempre al centro dell’azione. Ammiro Quagliarella: ha grandi doti tecniche ma anche grinta e determinazione, caratteristiche che vorrei migliorare in questa mia esperienza in blucerchiato».

Questo sito web utilizza cookies tecnici e di terze parti, anche di analisi statistica, al fine di migliorare l’esperienza di navigazione e le funzionalità. I cookies di analisi possono essere trattati per finalità di profilazione da terze parti. Per avere maggiori informazioni e negare il consenso ai cookies clicca qui.

Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio di un’immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all’uso dei cookies.