Ferrari si rimbocca le maniche: «Ci gira male, lavorando ne usciremo»

Gian Marco Ferrari è sempre più al centro del progetto Sampdoria e non ha paura di tirarsi indietro quando serve metterci la faccia. «Non dobbiamo fare drammi – dice in mixed-zone -. Ci siamo inceppati? Non credo, ma di questi tempi ci gira male. Non siamo riusciti a capitalizzare le occasioni e il Sassuolo ci ha puniti. Come si esce da un momento così? Lavorando e lavorando».

Regole. Una battuta sul rigore (poi parato da Viviano) è quasi d’obbligo. «L’ho toccata, è vero – ammette il numero 13 -, ma è impossibile non farlo quando si è in corsa. Non potevo certo amputarmi le braccia. Detto questo, la regola è così e ce la teniamo. Peccato davvero per come è finita. Sono stati bravi a limitarci oggi, hanno trovato le mosse giuste per darci fastidio. Matri? Ha fatto un bel movimento, io potevo fare meglio, ma bisogna dare merito alla sua bravura».