Bertolacci ritrova Genova: «Riparto da qui, la Samp è l’unica cosa che conta»

Riparte da Genova Andrea Bertolacci. Dalla città che più gli ha dato in carriera e dove ha passato quattro annate di alto livello, fino a conquistare la Nazionale. Da quelle stesse zolle passa la sua rinascita, con i colori più belli del mondo addosso. «Tornare qui è una grandissima emozione – esordisce in esclusiva all’Official Media il centrocampista fresco di firma -, mi è già tornato il sorriso. Io sono di Roma, ma questa è la mia seconda casa. Non appena ho messo piede a Nervi ho rivissuto le emozioni di quando avevo vent’anni. Ho ricevuto tante richieste, ma qui è dove mi hanno voluto di più. E per questo ringrazio il presidente Ferrero e la società».

Voglia. Dopo una stagione dietro le quinte al Milan, a 28 anni l’opportunità di rimettersi in pista. «Questo è un Andrea molto diverso, più maturo – ammette a voce alta -. Stare fuori mi ha fatto crescere come uomo. Ora voglio solo recuperare quella voglia di giocare davanti ai tifosi, in uno stadio che secondo me è tra i più belli». 200 presenze in Serie A non sono poca cosa, ma quando arriverà la prossima? «Non rinnego il passato con altri colori – premette -, ma la cosa che importa di più ora è la Sampdoria. Mi sento di dire che ripagherò sul campo la fiducia che mi è stata data e non vedo l’ora di farlo».

Questo sito web utilizza cookies tecnici e di terze parti, anche di analisi statistica, al fine di migliorare l’esperienza di navigazione e le funzionalità. I cookies di analisi possono essere trattati per finalità di profilazione da terze parti. Per avere maggiori informazioni e negare il consenso ai cookies clicca qui.

Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio di un’immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all’uso dei cookies.