Cento volte Eder: «Raggiunto un importante traguardo in una gara difficile»

Cento palloni buttati alle spalle dei portieri. 20 col Frosinone, 27 con l’Empoli, 8 tra Brescia e Cesena. E poi la bellezza di 45 centri in blucerchiato. Eh già, eccolo Eder Citadin Martins in cifre. Senza contare peraltro il lordo di occasioni procurate, assist e falli guadagnati. «Sono felice di avere raggiunto questo importante traguardo – comincia con il sorriso sul volto il bomber -, anche se non sono un giocatore ossessionato dal gol. Dal 2008, quando ho iniziato a Frosinone, sono andato in tripla cifra e in Italia non è facile».

Capocannoniere. Questo per quanto riguarda il fendente di stasera, ma analizzando la partita più in generale l’attaccante dice a Samp TV: «Peccato non aver segnato una rete decisiva per la vittoria, ma l’Empoli è un’ottima squadra. Giampaolo ha mantenuto alcuni schemi di Sarri e funzionano bene, ci hanno messo in difficoltà. Io capocannoniere? La classifica che mi interessa è quella della Sampdoria, non quella dei marcatori, ma sapere di avere segnato quanto Higuaín dà soddisfazione».

Questo sito web utilizza cookies tecnici e di terze parti, anche di analisi statistica, al fine di migliorare l’esperienza di navigazione e le funzionalità. I cookies di analisi possono essere trattati per finalità di profilazione da terze parti. Per avere maggiori informazioni e negare il consenso ai cookies clicca qui.

Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio di un’immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all’uso dei cookies.