Un calcio alla guerra: sport ed inclusione in Uganda con Sampdoria e Acav

Un calcio alla guerra. È quello che Sampdoria e ACAV – ong trentina che opera in Africa dal 1985 – hanno voluto dare attraverso tre giorni di scuola calcio organizzati a Arua, in Uganda, con la collaborazione della Federazione Calcio Ugandese e il Comitato Olimpico. Oltre 140 ragazzi tra i 13 ed i 16 anni, ugandesi di comunità locali e rifugiati, sono stati i protagonisti di un’occasione di incontro all’insegna del calcio e dell’inclusione.

Idea. Corsi di management e di educazione allo sport, allenamenti ed un torneo di calcio hanno impegnato i ragazzi del West Nile, la regione nel nord ovest dell’Uganda che ospita la gran parte dei rifugiati provenienti dal Sud Sudan e dal Congo. L’iniziativa è nata da un’idea dell’ambasciatore italiano Domenico Fornara e si è sviluppata insieme alla Sampdoria, che per la manifestazione ha inviato due suoi allenatori professionisti, Marco Bracco e Roberto Morosini, che già avevano operato sul prato del “Mandela National Stadium” di Kampala nell’ambito del programma Samp Camp Around The World.

Spirito. Obiettivi del progetto di medio e lungo termine il consolidamento di programmi di educazione dei giovani ai valori olimpici e di allenamento allargando il campo anche ad altri sport, l’organizzazione di ulteriori corsi di coaching e di management dello sport e la realizzazione di alcune infrastrutture sportive, in particolare campi polifunzionali. Tali iniziative verranno sempre realizzate in favore sia delle popolazioni rifugiate che delle comunità locali, in uno spirito di integrazione ed inclusione.

Questo sito web utilizza cookies tecnici e di terze parti, anche di analisi statistica, al fine di migliorare l’esperienza di navigazione e le funzionalità. I cookies di analisi possono essere trattati per finalità di profilazione da terze parti. Per avere maggiori informazioni e negare il consenso ai cookies clicca qui.

Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio di un’immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all’uso dei cookies.