Augello: «Peccato, serviva per classifica e morale. Ma non abbattiamoci»

Su è giù per la fascia mancina. Tommaso Augello non si è risparmiato. Schierato titolare a sinistra nella linea a quattro di difesa disegnata da Claudio Ranieri ha offerto una prova generosa, un po’ come tutti i compagni. Tuttavi, non è bastato per tornare con il sorriso dallas fida con la Roma. «Peccato, avevamo fatto un bel primo tempo – si rammarica il mancino -. Riuscivamo a fare quello che ci aveva chiesto il mister, cioè prenderli alti. Ma dopo il vantaggio non siamo purtroppo riusciti a fare il secondo gol».

Morale. Effettivamente dopo l’intervallo qualcosa è cambiato. «Ci siamo abbassati e loro hanno iniziato a fare girare palla – analizza il numero 3 -, rendendosi più pericolosi. Poi Dzeko ha fatto due bei gol ma potevamo fare meglio, bisogna fare meglio nell’arco dei 90 minuti. Un punto ti avrebbe dato un po’ di morale e una spinta per le prossime partite; ma non ci abbattiamo, pensiamo a domenica e al Bologna».

Questo sito web utilizza cookies tecnici e di terze parti, anche di analisi statistica, al fine di migliorare l’esperienza di navigazione e le funzionalità. I cookies di analisi possono essere trattati per finalità di profilazione da terze parti. Per avere maggiori informazioni e negare il consenso ai cookies clicca qui.

Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio di un’immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all’uso dei cookies.