Campeol, calcio e famiglia: «Papà è il mio supereroe»

Sette anni di Milan, ora una nuova sfida tutta blucerchiata. Veneto di Conegliano, Axel Campeol è arrivato alla Sampdoria Primavera con entusiasmo e idee chiare. «Affronto questa nuova avventura con voglia e grandi ambizioni – racconta al media ufficiale -, sicuro di aver fatto la scelta giusta. Sono molto legato alla mia famiglia e a mio padre in particolare: quando ero bambino è stato anche il mio allenatore e a lui ho dedicato anche il tatuaggio che ho sul polpaccio sinistro. La mia passione oltre al calcio è il cinema: adoro i supereroi e i cinepanettoni. Che campionato ci attende? Il Primavera 1 presenta molte difficoltà, ma stiamo lavorando sodo per disputare una stagione di alto livello: spero di contribuire a raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati».