Falcone e l’esordio in A: «Un bel premio, questo è un gruppo straordinario»

Debutto in Serie A a 25 anni. Atteso, sudato, meritato. E anche se il risultato finale non gli dà giustizia, Wladimiro Falcone contro il Milan ha fatto alcune parate di altissimo livello. Una bella soddisfazione. «Speravo in un esordio migliore ma dal primo giorno a Bogliasco, dieci anni fa, avevo detto di voler debuttare con la maglia più bella del mondo – racconta il portiere -. Ci ero andato vicino ma stavolta è successo davvero e penso di essermela meritata: in questa stagione mi sono sempre impegnato e non ho mai saltato un allenamento».

Premio. Resta la soddisfazione per aver centrato l’obiettivo con largo anticipo sulla conclusione del campionato, che avverrà sabato pomeriggio a Brescia. «Nessuno credeva in una salvezza raggiunta a quattro giornate dalla fine – conclude Falcone -, ma siamo un gruppo di ragazzi bravissimi e ci siamo riusciti con merito. Sapevo del ruolo di terzo portiere ma non mi sono mai risparmiato e sono contentissimo che il mister mi abbia dato questo premio».

Questo sito web utilizza cookies tecnici e di terze parti, anche di analisi statistica, al fine di migliorare l’esperienza di navigazione e le funzionalità. I cookies di analisi possono essere trattati per finalità di profilazione da terze parti. Per avere maggiori informazioni e negare il consenso ai cookies clicca qui.

Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio di un’immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all’uso dei cookies.