Pezzotti, una vita da vice: «La mia Samp al fianco di Boškov»

Una vita da secondo. Lontano dalle luci della ribalta ma pronto a trasmettere idee e positività. In blucerchiato dal 1984 al 1992, Narciso Pezzotti ha contribuito a rendere d’oro quel periodo alla Sampdoria. Le prime due stagioni da vice di Eugenio Bersellini, quindi dal 1986 al fianco di Vujadin Boškov. «Il mio compito era quello di dare all’allenatore tutte le informazioni necessarie a preparare la partita, poi le scelte spettavano ai tecnici – ricorda al media ufficiale – Con Bersellini la Samp ha espresso il miglior calcio della sua storia, Boškov portò mentalità vincente e dimensione internazionale al club».

Casa. «Se penso al presidente Paolo Mantovani mi vengono i brividi: viveva per la squadra e la squadra si identificava in lui – prosegue Ciso -. Lo Scudetto arrivò a coronamento di un periodo straordinario. Ci è mancata la ciliegina di Londra, peccato. Sono passati tanti anni, in mezzo ci sono stati i successi alla Juventus e in Nazionale con un altro doriano, Marcello Lippi, ma Genova e la Samp restano nel cuore. Tornare qui è come tornare a casa».

Questo sito web utilizza cookies tecnici e di terze parti, anche di analisi statistica, al fine di migliorare l’esperienza di navigazione e le funzionalità. I cookies di analisi possono essere trattati per finalità di profilazione da terze parti. Per avere maggiori informazioni e negare il consenso ai cookies clicca qui.

Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio di un’immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all’uso dei cookies.