Primavera 1 TIM: il derby è della Samp, al “Garrone” decide Yayi Mpie

Il derby Primavera è blucerchiato. Un forte vento non ferma la Sampdoria di Cottafava che, sul sintetico del “Garrone” di Bogliasco, supera il Genoa 1-0 grazie ad un calcio di rigore trasformato da Yayi Mpie ad inizio ripresa. Una vittoria meritata, ottenuta con determinazione e con la voglia di mettere alle spalle un periodo negativo.

Spigoli. La gara comincia con un po’ di confusione generale, piena di spigoli ma corretta. Il primo vero sussulto lo regala Yayi Mpie al 25′, quando addomestica un pallone al limite e in girata impegna Drago. I blucerchiati – con una formazione rimaneggiata – ci riprovano al 27′ con Siatounis da fuori ma l’estremo rossoblù smanaccia sopra la traversa. La risposta ospite non si fa attendere: al 37′ Masini calcia con il mancino dai venti metri, Raspa si allunga e blocca a terra.

Vantaggio. La seconda frazione comincia con il Doria in attacco e al 9′ ecco l’episodio che decide l’incontro. Prelec scatta in area e prova a saltare Drago che lo aggancia e lo butta giù. Per l’arbitro non ci sono dubbi: penalty e cartellino giallo per il portiere ospite. Sul dischetto va Yayi Mpie che con il mancino trova l’angolino basso che vale il vantaggio.

Noi. I rossoblù reagiscono ma devono fare i conti con Raspa. Al 18′ il numero 1 si oppone con il corpo in uscita al diagonale ravvicinato di Piccardo. Poi, dopo una bella risposta di Drago al 26′ su Bahlouli, è ancora Raspa al 31′ a dire no ad Agudelo – squalificato in Serie A – con un intervento sotto l’incrocio dei pali da applausi. Nel finale il Genoa prova a forzare ma la difesa doriana regge l’urto fino al triplice fischio. Esultiamo noi: la prima stracittadina è nostra.

Sampdoria 1
Genoa          0
Reti: s.t. 9′ Yayi Mpie rig.
Sampdoria (4-2-3-1): Raspa; Veips, Pastor, Rocha, Obert; Brentan, Siatounis; Chrysostomou (45’ s.t. Angileri), Yayi Mpie (34’ s.t. Pompetti), Bahlouli (44’ s.t. Sabattini); Prelec.
A disposizione: Avogadri, Boschini, Ercolano, Casanova, Canovi, Trimboli, D’Amico, Scaffidi.
Allenatore: Cottafava.
Genoa (4-3-1-2): Drago; Piccardo, Serpe, Piccardo, Gonçalves; Masini, Da Cunha, Ebongue (45’ s.t. Gronberg); Zennaro (20’ s.t. Conti); Agudelo, Moro (39’ s.t. Bamba).
A disposizione: Agostino, Wozniak, Gasco, Dumbravanu, Ruggeri, Cenci, Besaggio, Diakhate, Buonavoglia.
Allenatore: Chiappino.
Arbitro: Garofalo di Torre del Greco.
Assistenti: Vettorel di Latina e Carrelli di Campobasso.
Note: ammoniti al 9′ s.t. Drago, all’11’ s.t. Siatounis e al 27′ Da Cunha per gioco scorretto; recupero 1′ p.t e 4′ s.t.; spettatori 250 circa; terreno di gioco in sintetico.

Questo sito web utilizza cookies tecnici e di terze parti, anche di analisi statistica, al fine di migliorare l’esperienza di navigazione e le funzionalità. I cookies di analisi possono essere trattati per finalità di profilazione da terze parti. Per avere maggiori informazioni e negare il consenso ai cookies clicca qui.

Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio di un’immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all’uso dei cookies.