Primavera 1 TIM: pari d’oro per la Samp, stoppata la capolista Atalanta

La squadra più in forma del Primavera 1 TIM contro la capolista, imbattuta e scudettata. Con queste premesse c’era da aspettarsi una grande partita. E così è stato. Al “Bortolotti” di Zingonia la Sampdoria di Cottafava ha tenuto testa all’Atalanta in una giostra di emozioni. Un continuo sali e scendi con cambi di marcia improvvisi e inaspettati: il finale 2-2 – con Prelec spietato goleador e Balde nelle vesti di assist-man – è il sesto risultato utile di fila per una squadra che sembra davvero cresciuta e matura: più di quanto non dica il settimo posto in classifica.

Pari  uno. I nerazzuri prendono immediatamente il comando delle operazioni, mentre i blucerchiati si affidano al contropiede mordi e fuggi. Una tattica che pare funzionare, perché nel primo quarto d’ora l’unico tiro degno di nota è un sinistro ammortizzato di Cambiaghi, che arriva docile ad Avogadri. Un’occasione, di quelle vere, ce l’ha Prelec al 19′ quando sulla verticale di D’Amico regge l’urto di Guth colpendo sporco sul più bello. Che errore. Ma mai come quello di Balde un minuto più tardi: lo spagnolo arriva a tu per tu con Gelmi, ma gli sbatte contro quando sembra solo da certificare l’1-0. Che arriva sì, ma per la Dea. Cortinovis inventa per Gyabuaa, che è davvero spietato e piazza all’angolino (40′). Siamo sotto, e potrebbe essere pure peggio se Avogadri non opponesse i pugni su Ruggeri. Per quel che si è visto meriteremmo il pari. E il pari arriva, al 45′, sull’asse Balde-Prelec: proprio loro che avevano mancato il vantaggio si fanno perdonare. Per lo sloveno questo tap-in vale la meritata quarta rete stagionale.

Pari due. Nel secondo tempo il canovaccio non cambia e l’equazione è sempre valida: il possesso palla sta all’Atalanta come le occasioni alla Samp. Al 2′ Angileri costringe Gelmi alla parata a terra, poi Balde (11′) spreca un’opportunità mastodontica masticando il destro da pochi passi. Brambilla teme di perdere l’imbattibilità in campionato e allora butta dentro in un colpo solo Traoré e Colley, due che hanno già assaggiato la Serie A. Cottafava risponde con Canovi. Ma sono i bergamaschi ad avere pescato le carte giuste: al 19′ Traoré fa il vuoto e serve Colley, che segna il gol del vantaggio. Si fa dura,eEppure al 25′ Balde ha un’altra chance sulla quale Gelmi si esalta. Un po’ come Avogadri poco dopo su Colley, stoppato con due interventi provvidenziali. Più semplice, alla mezzora, il lavoro del numero 1 di casa su Prelec, che si gira bene ma conclude centrale. Al 35′ quello che sembra un brutto presagio: Chrysostomou (in campo per Obert dal 22′) deve lasciare per un problema al ginocchio. Nelle mischia va Trimboli. Che – invece – chiude un triangolo in velocità per Balde, bravissimo nel servire la palla del pareggio a Prelec a recupero già iniziato. I due si abbracciano e con loro tutti i blucerchiati: il risultato non cambierà più, il che significa allungare l’imbattibilità (dall’8 dicembre 2019) e dare continuità ad un lavoro che sta dando davvero bei frutti. Pari d’oro, poco da aggiungere.

Atalanta            2
Sampdoria       2
Reti: p.t. 40’ Gyabuaa, 44′ Prelec; s.t. 19′  Colley, 47′ Prelec.
Atalanta (4-3-3): Gelmi; Ghislandi (37′ s.t. Bergonzi), Heidenreich, Guth, Ruggeri (37′ s.t. Brogni); Gyabuaa, Panada, Cortinovis (45′ s.t. Finardi); Ghisleni (14′ s.t. Traoré), Kobacki (14′ s.t. Colley), Cambiaghi.
A disposizione: Ndiaye, Milani, Signori, Italeng.
Allenatore: Brambilla.
Sampdoria (4-4-2): Avogadri; Angileri, Veips, Rocha, Obert (22′ s.t. Chrysostomou, 35′ s.t. Trimboli); Sabattini (17′ s.t. Canovi), Brentan, Siatounis, D’Amico; Prelec, Balde.
A disposizione: Raspa, Boschini, Doda, Ercolano, Amado, Scaffidi.
Allenatore: Cottafava.
Arbitro: Monaldi di Macerata.
Assistenti: Gualtieri di Asti e Massimino di Cuneo.
Note: ammoniti al 33′ p.t. Gyabuaa, al 24′ s.t. D’Amico per comportamento non regolamentare; recupero 1′ p.t. e 5′ s.t.; spettatori 250 circa; terreno di gioco in buone condizioni.

Questo sito web utilizza cookies tecnici e di terze parti, anche di analisi statistica, al fine di migliorare l’esperienza di navigazione e le funzionalità. I cookies di analisi possono essere trattati per finalità di profilazione da terze parti. Per avere maggiori informazioni e negare il consenso ai cookies clicca qui.

Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio di un’immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all’uso dei cookies.