Primavera, il regista Pompetti: «Sognavo Pirlo, ora imparo da Ekdal»

«La Sampdoria Primavera è un ottimo gruppo: puntiamo a toglierci molte soddisfazioni, provando a centrare i playoff». Parole e musica di Marco Pompetti, regista classe 2000, cresciuto nel Pescara e prelevato dall’Inter qualche settimana fa. «Il calcio è la mia passione più importante – rivela – e il mancino credo di averlo ereditato da mio nonno, che è stato un difensore. Mi considero un centrocampista abile nella costruzione del gioco e da bambino sognavo, come tanti, di assomigliare ad Andrea Pirlo; ora alla Samp voglio imparare da Albin Ekdal».

Questo sito web utilizza cookies tecnici e di terze parti, anche di analisi statistica, al fine di migliorare l’esperienza di navigazione e le funzionalità. I cookies di analisi possono essere trattati per finalità di profilazione da terze parti. Per avere maggiori informazioni e negare il consenso ai cookies clicca qui.

Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio di un’immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all’uso dei cookies.