Ranieri felice: «Torniamo a respirare, ma non è finita»

Lo si sentiva urlare fino a Genova, Claudio Ranieri. Ha comandato la sua squadra come un teenager comanda gli omini della Playstation. «Mi fanno ringiovanire questi ragazzi – sorride il mister dallo stadio “Via del Mare” -, con loro devi essere sempre pronto. Era difficile stasera, non siamo abituati a stare nelle posizioni di classifica in cui stiamo giocando, ma abbiamo lottato su ogni pallone e i tre punti ora ci fanno respirare. Sapevamo che era un dentro o fuori e siamo felici di come sia andata; ma non è ancora finita».

Carisma. Una vittoria così importante seppur in uno stadio vuoto è pur sempre una vittoria importante. Ma il tecnico blucerchiato ha qualcosa da dire a riguardo: «Oggi è stato un handicap per il Lecce giocare senza pubblico, quello che stiamo giocando è un campionato anomalo che però va finito. Dobbiamo continuare a lottare. Sono soddisfatto per come la squadra è stata concentrata e ha sofferto. Anche la SPAL andrà affrontata così. Ramírez? Di Gastón sono importanti il carisma e l’esperienza. Da lui può sempre uscire qualcosa. Ora aspetto anche capitan Quagliarella».

Questo sito web utilizza cookies tecnici e di terze parti, anche di analisi statistica, al fine di migliorare l’esperienza di navigazione e le funzionalità. I cookies di analisi possono essere trattati per finalità di profilazione da terze parti. Per avere maggiori informazioni e negare il consenso ai cookies clicca qui.

Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio di un’immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all’uso dei cookies.