U.C. Sampdoria Sampdoria logo

Christian Maggio per la prima di “Impariamo allo stadio”

News

Christian Maggio per la prima di “Impariamo allo stadio”

L'esterno della Samp insieme ai bambini delle scuole elementari Cantore e Fontanarossa per la prima uscita dell'edizione 2007 di "Impariamo allo stadio": «Una giornata bella e particolare».

12_maggiobambiniE' una mattinata particolare, quella di Christian Maggio. Circondato dai bambini, cartoline e foto in mano pronte per gli autografi, tocca a lui battezzare il primo dei sei appuntamenti in calendario con "Impariamo allo stadio", l'iniziativa voluta – per il quinto anno consecutivo – dalla Sampdoria e dall'Assessorato allo Sport del Comune di Genova per avvicinare i tifosi più piccoli ai valori sani e positivi di quel meraviglioso sport che è il calcio.

A spasso per lo stadio. Girano dentro al Luigi Ferraris col naso in su e fanno domande, i ragazzi delle elementari Cantore e Fontanarossa. Incontrano Alberto Bollini e Aldo Jacopetti, allenatore della Primavera e responsabile delle giovanili blucerchiate, visitano gli spogliatoi, la sala stampa; annusano il profumo dell'erba. Parlano di valori, di lealtà, fanno domande, hanno voglia di sapere cosa c'è dietro le quinte di una partita; poi aspettano il momento più atteso, quando Christian Maggio sbuca fuori dal tunnel del Ferraris e li raggiunge in tribuna.

Il racconto. A lui, a quel ragazzo partito da Montecchio Maggiore per esordire in A a San Siro e sbarcare poi, via Firenze, alla Samp, tocca raccontare le ambizioni e i sogni di un bambino «che sognava di vedere gli stadi d'Italia» e oggi dentro quegli stadi vive la sua passione. Gli chiedono quanti gol ha segnato in carriera – è pur sempre quello, il bello del calcio… – e lui sorride: «Da ragazzo tanti, giocavo in attacco e me la cavavo. Ora invece ne faccio molti, molti meno…». Ricorda il momento dell'esordio, Christian, e i bambini sono tutti lì a pendere dalle sue labbra: «Era un sabato, giocavo con la Primavera, e nell'intervallo il mister mi ha tolto dal campo perché alla sera dovevo essere a Milano insieme alla prima squadra… Era splendido, non ci credevo: io, timido e riservato come sono, che mi ritrovavo in ritiro con i grandi per giocare il giorno dopo a San Siro… E' stato bellissimo».

Una giornata speciale. La mattinata fila via tranquilla, insomma, tra l'entusiasmo dei piccoli tifosi e la gioia di Christian Maggio per aver potuto vivere da vicino una di quelle facce del calcio troppo spesso oscurata. «Non si ha spesso l'opportunità di stare a contatto con i più giovani – ammette l'esterno della Samp -, devo dire che è stata davvero una bella esperienza. Questi ragazzi non devono vedere il calcio come un insieme di cose negative, il calcio è bellissimo… Loro devono portare avanti i valori di questo sport fantastico: l'amicizia, tanto per dirne uno… Senza mai tralasciare lo studio e la famiglia».

E ora, la Roma. C'è tempo anche per pensare a quel che sarà domenica, con la trasferta in casa della Roma di Spalletti: «Troveremo una squadra ferita, non ci aspettavamo che a Manchester andasse così – ammette Christian -, ma penso che la sconfitta in Europa dia loro motivazioni forti per cercare di batterci. Noi faremo lo stesso, andremo in campo per vincere: siamo una squadra diversa rispetto a quella che perse nettamente all'andata, e le ultime prestazioni sono lì a dimostrarlo».

Nella foto Pegaso, Christian Maggio in tribuna insieme ai bambini di "Impariamo allo stadio".

altre news

Scopri gli abbonamenti 2022-23