U.C. Sampdoria Sampdoria logo

De Silvestri non si scoraggia: «Bisogna crederci fino alla fine»

News

De Silvestri non si scoraggia: «Bisogna crederci fino alla fine»

Delusione sì, ma i giochi sono ancora tutti aperti. Questo, in poche parole, il pensiero di Lorenzo De Silvestri, match-winner mancato di una gara che avrebbe potuto portare la Sampdoria più vicina all’Europa e che, invece, tiene ancora tutto aperto in viste delle ultime cinque finali che attendono i blucerchiati da qui all’epilogo del campionato. «Oggi la squadra ha fatto tutto quello che c’era da fare – racconta a caldo in mixed-zone il numero 29 -. Nel primo tempo non abbiamo rischiato nulla, creando anche occasioni importanti come quella clamorosa di Okaka. In altre parole: ci è mancato solo il gol. Nella ripresa poi, nonostante fossimo in dieci, si è visto un grande cuore che, se non fosse stato per quell’unico movimento sbagliato sul gol di Toni, ci avrebbe portato alla vittoria».

Sgroppata. Inevitabili i complimenti per la prestazione personale, condita dallo splendido gol in contropiede su assist di Muriel. «Gliel’avrò chiamata cento volte durante quella corsa – sorride Lollo, soddisfatto per la rete, meno per il risultato -. Scherzi a parte, Luis è stato bravissimo a darmela coi tempi giusti. Mi dispiace che questa rete sia servita solo a ottenere un punto, ma dobbiamo continuare a giocare. Se lo si guarda sotto il profilo dei numeri, aver ottenuto un punto in inferiorità numerica può anche andar bene, ma sicuramente oggi potevamo portare a casa il bottino pieno. Guai però a piangersi addosso: dobbiamo guardare avanti».

Classifica. «Ora è importante cercare di fare punti contro tutte le squadre, a cominciare da sabato con la Juventus. Sarà difficilissimo, ma se diamo tutto, con lo stadio pieno e tutte le componenti giuste, possiamo fare risultato anche contro di loro che sono i più forti – conclude determinato il blucerchiato -. Bisogna guardare i lati positivi: su tutti, l’essere siamo ancora quinti in classifica a cinque giornate dalla fine. Dobbiamo sempre ricordarci che siamo la Sampdoria e dobbiamo colmare con la grinta e la corsa le differenze tecniche con altre squadre più quotate. È tutta la stagione che lo facciamo e dobbiamo continuare così».

Obiettivi. La concorrenza dunque non fa paura. «Sicuramente se facciamo tutti il nostro dovere e se ce la mettiamo tutta possiamo portare a casa l’obiettivo Europa, che sarebbe veramente bellissimo – spiega -. Bisogna crederci fino alla fine: bisogna tenere la testa alta e non mollare fino all’ultimo secondo. L’intervento da rigore su Regini? Dal campo mi sembrava ci fosse il fallo, ma non mi piace parlare di arbitri, quindi il discorso finisce lì».

altre news

Mini Abbonamento Promo