Primavera 1 TIM: pari e patta a Firenze, D’Amico fa doppietta ma non basta

Pari e patta. E in fin dei conti è giusto così. La Sampdoria a Firenze ottiene il primo punto dell’anno e fa un passettino avanti in classifica, tenendosi alle spalle i toscani. Peccato solo che – dopo il rigore di Montiel e la rimonta firmata da D’Amico – i blucerchiati si siano fatti fatti riprendere ad una manciata di minuti dalla fine. Ma il calcio è questo. Giusto dunque fare tesoro di quel che non ha funzionato nel finale al “Bozzi” e guardare al futuro con fiducia, vista la reazione messa in piedi nel secondo tempo.

Avvio. Il 2020 non inizia proprio alla grande, anzi. Un minuto di gioco o poco più e Veips impatta con il braccio il tiro di Montiel. L’arbitro D’Ascanio non ha dubbi – noi invece qualcuno sì – e assegna il rigore ai viola, ammonendo il capitano. Raspa intuisce ma non basta, proprio Montiel porta dunque avanti i suoi con un destro incrociato (2′). Avvio shock. Eppure il Doria potrebbe rimettere subito le cose a posto, se solo la traversa – al 3′ – non risputasse indietro una fantascientifica idea di Yayi Mpie. Che peccato. Sembra una partita destinata ai fuochi d’artificio, ma in verità ci vuole più di mezzora per vedere un altro tiro degno di nota. Al 33′ è ancora Montiel a farsi vivo, Raspa è attento. Come tre minuti più tardi, quando scorta fuori un tentativo del numero 7 della Fiorentina, il più in palla di tutti.

Ripresa. Il duello tra l’attaccante viola e il portiere blucerchiato si rinnova subito. Al 3′ della ripresa Montiel raccoglie una respinta del numero 1 e spara, ma con un intervento tutto riflessi Raspa fa muro. Al 6′ Prelec scappa via a Dalle Mura, che l’affossa. E proprio come era accaduto nel primo tempo, il direttore di gara indica il dischetto. D’Amico – con tanto di saltino – spiazza Brancolini: 1-1. La Fiorentina accusa il colpo. Colpo che diventa doppio quando – al 25 ‘ – sempre D’Amico si accentra e con il destro a giro sigla il sorpasso con l’aiuto di una deviazione di Dutu. Siamo avanti. Bianco, al 33′, prova a scuotere i suoi, ma trova i guantoni di un grande Raspa. Avvertimento che la Samp non coglie. E difatti al 36’ Spalluto sfrutta al meglio un cross di Milani e inchioda i blucerchiati sul 2-2. Raspa sbatte le mani incitando i suoi e chiedendo concentrazione anche dopo il pari. La Viola ci prova come può ma noi teniamo botta. E ci portiamo a casa un punto che fa brodo e classifica. Tra una settimana, l’ultima del girone d’andata: al “Garrone” arriva la Roma.

Fiorentina  2
Sampdoria 2
Reti: p.t. 2’ Montiel rig., s.t. 7′ e 25′ D’Amico, 36′ Spalluto.
Fiorentina (4-3-3): Brancolini; E. Pierozzi (42′ s.t. Kukovec), Dutu, Dalle Mura, Simonti; Hanuljak (18′ s.t. Beloko), Fiorini (31′ s.t. N. Pierozzi), Bianco; Montiel (18′ s.t. Milani), Spalluto, Koffi.
A disposizione: Chiorra, Chiti, Frison, Ponsi, Lovisa, Fruk, Mignani.
Allenatore: Bigica.
Sampdoria (4-2-3-1): Raspa; Angileri, Veips, Obert, Siatounis ; Chrysostomou, Pompetti; Yayi Mpie (38′ st. Sabattini), D’Amico (46′ s.t. Balde), Brentan; Prelec.
A disposizione: Avogadri, Boschini, Ercolano, Canovi, Scotti, Dos Santos.
Allenatore: Cottafava.
Arbitro: D’Ascanio di Ancona.
Assistenti: Di Monte di Chieti e Ciancaglini di Vasto.
Note: ammoniti al 2′ p.t. Veips, al 35′ p.t. Spalluto, al 15′ s.t. Fiorini e al 43′ s.t. Bianco per gioco scorretto; recupero 1′ p.t. e 4’s.t.; spettatori 130 circa; terreno di gioco in buone condizioni.

Questo sito web utilizza cookies tecnici e di terze parti, anche di analisi statistica, al fine di migliorare l’esperienza di navigazione e le funzionalità. I cookies di analisi possono essere trattati per finalità di profilazione da terze parti. Per avere maggiori informazioni e negare il consenso ai cookies clicca qui.

Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio di un’immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all’uso dei cookies.