U.C. Sampdoria Sampdoria logo

Bonazzoli, orgoglio Samp: «Da qui non mi muovo»

News

Bonazzoli, orgoglio Samp: «Da qui non mi muovo»

«Quel che ha detto il presidente Garrone mi rende felice: è da gennaio che ripeto che il mio posto è alla Samp»: così parlò Emiliano Bonazzoli.

2006-07-31_bonazzoli«La Juve? Ho sentito qualche voce, sono cose che ti fanno sentire importante. Ma non ci faccio caso: la Samp per me è sempre al primo posto». Parte da qui Emiliano Bonazzoli, da un mercato che suo malgrado lo sbatte in prima pagina e dalla voglia pazza di riprendere (in blucerchiato) il filo spezzato otto mesi fa: «E' da gennaio che ripeto che voglio restare a Genova», taglia corto.

Un ambiente ideale. «La società mi è stata molto vicina durante tutta la riabilitazione, in quei mesi passati tra Chiavari e Perugia – aggiunge ancora Bonazzoli -. Sentire questo affetto, l'affetto del mister che al telefono mi rincuorava e mi ricordava che la squadra mi stava aspettando, tutto questo mi è stato di grande aiuto. E leggere le dichiarazioni del presidente che mi ha definito incedibile non può che farmi piacere. Volevo rimanere e sono rimasto, per me è stato fatto un investimento importante e ne sono estremamente felice: d'altronde, è con Novellino che sono riuscito a esprimere al meglio tutte le mie doti…».

Il recupero. Lavora sodo, Bonazzoli. A Moena ha cominciato in gruppo sin da subito, dal primo giorno: «Fisicamente il recupero procede bene, sto lavorando parecchio sulla forza e la corsa – spiega lui -, mentre col mister si fa tanta tattica per aiutare l'inserimento dei nuovi».

Un modulo nuovo? Novellino l'ha definito un progetto «intrigante e interessante»: centrocampo con due mediani, due ali larghe e Bonazzoli punta centrale. «C'è questa ipotesi – sorride Emiliano -, e per me non cambierebbe molto. Francesco potrebbe defilarsi sulla fascia, ma alla fine quel che dovrei fare io sarebbe sempre la stessa cosa: segnare e far salire la squadra».

Le palle inattive. Spiega ancora Bonazzoli: «L'avete visto tutti, Bonanni mette in mezzo dei gran palloni: forti e tesi, così si può andare in anticipo e cercare il primo palo. L'importante è che col movimento che si fa in area si copra tutto lo spazio della porta».

La nazionale. «Che ci fossero Donadoni e Buso a bordocampo, sabato, l'abbiamo saputo solo dopo la partita – racconta e chiude Bonazzoli -. Credo che il ct faccia bene a vedere più giocatori possibile, anche perché così facendo, con i campioni del mondo rientrati da poco, si crea una situazione aperta a tutti che può solo stimolare a dare il massimo. Se ci penso? L'Italia è un sogno, il sogno di tutti. A me ora interessa solo star bene, se le cose andassero nel verso giusto con la Samp magari ne potremmo riparlare».

Nella foto Pegaso, Emiliano Bonazzoli in azione contro il Parma.

altre news

Scopri gli abbonamenti 2022-23