U.C. Sampdoria Sampdoria logo

La parabola di Eder: «Sono grato a questo ambiente fantastico»

News

La parabola di Eder: «Sono grato a questo ambiente fantastico»

Ci sono parabole e traiettorie che rimangono impresse nella memoria. Sinisa Mihajlovic nella sua carriera ne ha inventate tante; questa sera, contro l’Inter, Eder Citadin Martins ne ha sfornata una che nella storia blucerchiata resterà di certo molto a lungo. È il minuto 20 della ripresa: Eto’o e Palombo la toccano per il numero 23 e la palla si va a infilare prima sul palo e poi là, nell’angolino opposto, dove neppure un portiere abile come Handanovic può arrivare. «Il gol è stata una grande gioia – confessa l’attaccante a fine gara -. Ma è ancora più importante aver vinto questa partita, perché ci ha permesso di staccare in classifica delle formazioni importanti come la stessa Inter. A volte sono i gol a fare più notizia, ma sono le prestazioni corali, soprattutto in difesa, a portare le vittorie».

Obiettivi. «Con Eto’o ci siamo parlati a lungo prima della battuta – prosegue l’italo-brasiliano tornando sulla punizione vincente -. È stato lui a dirmi di calciare e così ho fatto: è andata bene. Ora dobbiamo continuare in questo modo, partita dopo partita. Per parlare di obiettivi è però ancora molto presto: ci sono ancora dieci gare e 30 punti a disposizione. Era comunque importante affrontare bene le prime gare di questo ciclo difficile. Con Roma e Inter abbiamo ottenuto 6 punti, ma non dobbiamo fermarci. Occorre rimanere uniti: se così faremo, potremo toglierci altre soddisfazioni».

Azzurro. Soddisfazione che è senz’altro arrivata per il blucerchiato, fresco della convocazione nella Nazionale italiana. «L’ho saputo ieri sera e sono davvero entusiasta di questo premio e di questa opportunità – sorride il neo-azzurro -. Quattro anni fa sono venuto qui a Genova in Serie B, oggi sono qui in Nazionale: sono davvero grato a tutto questo ambiente fantastico che mi ha accolto a braccia aperte fin dal primo giorno. La scelta dell’Italia? Conoscono tutti il valore della Nazionale, a maggior ragione io che sono qui da dieci anni. Devo ancora imparare per bene l’inno di Mameli, ma nel frattempo sono più che contento di far parlare il campo».

altre news

Mini Abbonamento Promo