U.C. Sampdoria Sampdoria logo

Il Doria scappa con Soriano, il Milan lo riprende con De Jong

News

Il Doria scappa con Soriano, il Milan lo riprende con De Jong

La Sampdoria scappa, il Milan la riprende. Vero, anche se la sensazione è che siano più i blucerchiati di Sinisa Mihajlovic ad aver messo i bastoni delle ruote ai rossoneri che non il contrario. La girata di De Jong – con sfortunata deviazione di Duncan – frena il possibile salto della cavallina su Napoli e Fiorentina, ma tiene comunque lontani i rossoneri. E in una partita che per la banda di Pippo Inzaghi aveva il valore quasi di un campionato intero, aver portato via un pareggio ci fa dire che l’operazione ‘anti-Milano’ si può dire comunque completata.

Equilibrio. Il Doria si presenta a San Siro con la formazione pressoché annunciata alla vigilia, ovvero con un 4-2-3-1 che sa molto di scorsa stagione: Okaka riferimento centrale e il trio Eder-Soriano-Eto’o alle sue spalle. Nonostante la partenza spavalda dei blucerchiati, il primo tempo va a fiammate e le più pericolose sono soprattutto rossonere. Viviano salva su Van Ginkel al quarto d’ora, Eto’o risponde al 22′ sfiorando il palo alla sinistra di López. Poi – prima di un parziale black-out dell’impianto di illuminazione del “Meazza” e dell’unico giallo del tempo rifilato a Obiang – Destro di testa non inganna Viviano (30′), Okaka col destro grazia i rossoneri sprecando una buona opportunità di contropiede (34′) mentre Cerci non spezza l’equilibrio calciando alle stelle, dal limite, quasi allo scadere.

A capo. La ripresa si apre con una ghiotta occasione per parte: Okaka non impatta a dovere su un cross insidioso di Mesbah, Antonelli guadagna il fondo e centra, Viviano non trattiene e Obiang libera efficace. Efficace come López, all’8′, nel togliere dall’angolino un fendente di Eder su punizione. Il vantaggio è comunque dietro l’angolo: Eto’o filtra da fenomeno qual è per Soriano, che controlla in libertà e fredda il Diavolo. 0-1 Doria al minuto 13. Inzaghi toglie Cerci per Suso, Mihajlovic richiama il fresco goleador per Duncan, che – suo malgrado – diventa protagonista in negativo. Il 6 prima salva sulla linea su Mexes, poi spiazza Viviano su un innocuo tentativo in rovesciata di De Jong. Una disdetta. Alla mezzora si è punto a capo, con De Sciglio (per Abate) da una parte e con Muriel (per Okaka) dall’altra.

Più vicina. Destro si fa male e viene sostituito dall’ex Pazzini. Al 38′ Suso centra in pieno il palo a Viviano battuto, De Jong – con una gomitata – stende Muriel: solo giallo per l’olandese. Anche De Silvestri alza bandiera bianca per un problema fisico e viene rimpiazzato da Wszolek per un rush finale che non cambia le carte in tavola. 1-1, peccato, ma le distanze restano invariate e l’Europa è un poco più vicina.

Milan            1
Sampdoria 1
Reti: s.t. 13′ Soriano, 29′ De Jong.
Milan (4-3-3): D. López; Abate (26′ s.t. De Sciglio), Paletta, Mexes, Antonelli; Van Ginkel, De Jong, Bonaventura; Cerci (17′ s.t. Suso), Destro (32′ s.t. Pazzini), Ménez.
A disposizione: Abbiati, Donnarumma, Rami, Poli, Zapata, Bocchetti, Bonera, Alex, Mastalli.
Allenatore: Filippo Inzaghi.
Sampdoria (4-2-3-1): Viviano; De Silvestri (43′ s.t. Wszolek), Silvestre, Romagnoli, Mesbah; Palombo, Obiang; Eder, Soriano (20′ s.t. Duncan), Eto’o; Okaka (28′ s.t. Muriel).
A disposizione: Romero, Correa, Bergessio, Muñoz, Rizzo, Coda, Djordjevic, Acquah, Marchionni.
Allenatore: Sinisa Mihajlovic.
Arbitro: Rocchi di Firenze.
Assistenti: Giallatini di Roma 1 e Di Fiore di Aosta.
Quarto ufficiale: Paganessi di Bergamo.
Arbitri addizionali: Giacomelli di Trieste e Fabbri di Ravenna.
Note: ammoniti al 41′ p.t. Obiang, al 7′ s.t. Paletta, al 38′ s.t. De Jong per gioco scorretto, al 50′ s.t. Mexes e Wszolek per comportamento non regolamentare; recupero 1′ p.t. e 5′ s.t.; abbonati 19.504 (rateo gara 453.906 euro), paganti 11.231 (incasso 292.435 euro); terreno di gioco in buone condizioni.

altre news

Mini Abbonamento Promo